downloadLINK PDF

 

Articoli di Fede Antonio MORREALE 

 

 NOI SIAMO DEL SIGNORE” 

   Lettura biblica: Romani 14:1-12 

 

1 Quanto a colui che è debole nella fede, accoglietelo, ma non per discutere opinioni. 2 L´uno crede di poter mangiare di tutto, mentre l´altro, che è debole, mangia legumi. 3 Colui che mangia di tutto, non sprezzi colui che non mangia di tutto; e colui che non mangia di tutto, non giudichi colui che mangia di tutto: perché Dio l´ha accolto. 4 Chi sei tu che giudichi il domestico altrui? Se sta in piedi o se cade è cosa che riguarda il suo padrone; ma egli sarà tenuto in piè, perché il Signore è potente da farlo stare in piè. 5 L´uno stima un giorno più d'un altro; l´altro stima tutti i giorni uguali; sia ciascuno pienamente convinto nella propria mente. 6 Chi ha riguardo al giorno, lo fa per il Signore; e chi mangia di tutto, lo fa per il Signore, perché rende grazie a Dio; e chi non mangia di tutto fa così per il Signore, e rende grazie a Dio. 7 Poiché nessuno di noi vive per se stesso, e nessuno muore per se stesso; 8 perché, se viviamo, viviamo per il Signore; e se moriamo, moriamo per il Signore; sia dunque che viviamo o che moriamo, noi siamo del Signore. 9 Poiché a questo fine Cristo è morto ed è tornato in vita: per essere il Signore e de´ morti e de´ viventi. 10 Ma tu, perché giudichi il tuo fratello? E anche tu, perché disprezzi il tuo fratello? Poiché tutti compariremo davanti al tribunale di Dio; 11 infatti sta scritto: Com´io vivo, dice il Signore, ogni ginocchio si piegherà davanti a me, ed ogni lingua darà gloria a Dio. 12 Così dunque ciascun di noi renderà conto di se stesso a Dio.

RIUNIONI SETTIMANALI

Riunioni Settimanali

Lunedì alle 19:00 Riunione di preghiera

Martedì alle 19:00 Studio Biblico

Giovedì alle 19:00 Culto

Domenica alle 11:00 Culto

SEGUICI SUI SOCIAL

   
     
Vai all'inizio della pagina